Boom di infezioni sui dispositivi MAC

No Comments

La leggenda per la quale i dispositivi di Cupertino “non prendono virus” è definitivamente smontata dal rapporto di malwarebites riguardo alle infezioni rilevate nel 2019.

E’ importante infatti che gli utenti abbiano chiaro un concetto, che nell’ambito della sicurezza informatica deve essere limpido: non esiste un sistema operativo o software inattaccabile, tantomeno se ad utilizzarlo è un utente umano, che può commettere errori, essere imprudente o farsi ingannare dall’ingegneria sociale. Chi dice il contrario sta semplicemente mentendo.

Quanto è grande il problema? 

Numericamente parlando il rapporto mette in luce una realtà preoccupante, tra il 2018 e il 2019 il numero di dispositivi infettati è più che raddoppiata, superando di gran lunga il numero di dispositivi Microsoft ugualmente attaccati con successo.

Le ragioni di tale incremento sono da ricercarsi tuttavia nelle seguenti cause:

  • l’inclusione nella categoria dei malware di adware e PUP (Potentially Unwanted Programs), entrambi presentano per il momento una pericolosità relativamente bassa in termini di impatto rispetto ad un trojan o un ramsonware.
  • Un aumento degli utenti in possesso di dispositivi MAC, che comporta di conseguenza una maggiore attenzione a tale OS da parte degli hacker.
  • Infine, una più capillare distribuzione del software malwarebites, con conseguente maggior numero di minacce rilevate.

In termini qualitativi la situazione sostanzialmente si ribalta, le infezioni dirette a sistemi operativi mac sono infatti generalmente meno impattanti rispetto a quelle dirette a dispositivi Microsoft.

Questo non per una maggiore sicurezza del sistema operativo, ma perché gli attachi più frequenti  mirano più a fare profitti, tipicamente attraverso l’advertising, che a rendere inservibile il dispositivo attaccato come nel caso del diffusissimo adware chiamato NewTab (che ha come obbiettivo proprio mac) il quale si installa come un’estensione del browser e reindirizza le ricerche online digitate.

Ad ogni modo il primo malware tradizionale (esclusi quindi adware e PUP) per Mac (OSX.Generic.Suspicious) si trova solo al 30esimo posto nella classifica dei più diffusi, con l’ambiente Windows che rimane al momento il più minacciato in termini di virulenza.

Privacy Studio Blog

Siamo un gruppo di professionisti della privacy con un focus nell'aiutare i nostri clienti a trattare consapevolmente e correttamente i dati personali e non solo.

Richiedi un preventivo

Offriamo servizi di consulenza legale e tecnica in ambito privacy, tra i quali:

  • Servizio DPO
  • Adeguamento GDPR
  • Formazione
  • Audit
  • Certificazione Siti/e-commerce
  • Gestione Contenzioso

Iscriviti alla newsletter!

There is no form with title: "SEOWP: MailChimp Subscribe Form – Vertical". Select a new form title if you rename it.

Altri articoli del blog

Vedi tutti

Lascia un commento