101 reclami contro le aziende che usano Google e Facebook: l’EDPB indaga.

No Comments

Il Comitato Europeo per la Protezione dei Dati Personali ha creato una task force appositamente per valutare ed esaminare i 101 reclami identici giunti alle autorità di controllo dello Spazio Economico Europeo a seguito della sentenza Schrems II emanata dalla Corte di Giustizia UE e che ha invalidato l’accordo Privacy Shield che rendeva lecito il trasferimento di informazioni personali verso gli Stati Uniti.

I reclami sono stati presentati nei confronti di diversi titolari del trattamento che utilizzano i servizi forniti da Google e da Facebook, i quali comportano un trasferimento di informazioni verso il territorio americano sostenendo che gli stessi, in assenza del Privacy Shield, non possano che basarsi sulle clausole contrattuali standard dei due colossi americani, le quali però, a detta dei ricorrenti, non offrirebbero sufficienti garanzie per il trasferimento che risulterebbe così illecito.

I ricorsi sono stati presentati con l’assistenza e la rappresentanza della ONG NOYB non sono stati immediatamente cassati dall’EDPB, che ha invece creato un apposita task force e assicurato che gli stessi verranno attentamente esaminati.

Andrea Jelinek, la presidente del comitato europeo per la protezione dei dati, ha dichiarato:

“Il comitato è ben consapevole del fatto che la sentenza Schrems II attribuisce ai titolari del trattamento una responsabilità importante. Oltre alla dichiarazione e alle FAQ pubblicate subito dopo la sentenza, elaboreremo raccomandazioni per supportare titolari e responsabili del trattamento nella necessaria individuazione e attuazione di adeguate misure supplementari di natura giuridica, tecnica e organizzativa al fine di soddisfare il requisito di « equivalenza sostanziale » nel trasferimento di dati personali verso paesi terzi. Tuttavia, la sentenza ha implicazioni di ampia portata e i contesti dei trasferimenti di dati verso paesi terzi sono molto diversi. Pertanto, non si può pensare a una soluzione unica e di immediata applicazione. Ciascun titolare o responsabile dovrà valutare i trattamenti svolti e i relativi trasferimenti, adottando le misure opportune.”

Privacy Studio Blog

Siamo un gruppo di professionisti della privacy con un focus nell'aiutare i nostri clienti a trattare consapevolmente e correttamente i dati personali e non solo.

Richiedi un preventivo

Offriamo servizi di consulenza legale e tecnica in ambito privacy, tra i quali:

  • Servizio DPO
  • Adeguamento GDPR
  • Formazione
  • Audit
  • Certificazione Siti/e-commerce
  • Gestione Contenzioso

Iscriviti alla newsletter!

There is no form with title: "SEOWP: MailChimp Subscribe Form – Vertical". Select a new form title if you rename it.

Altri articoli del blog

Vedi tutti

Lascia un commento