Privacy Coronavirus COVID-19

In questo periodo di ripresa delle attività molte aziende stanno riaprendo, la riapertura comporta però l'implementazione di una serie di misure di sicurezza per i lavoratori impiegati. 

Queste misure di sicurezza nella maggior parte dei casi comportano il trattamento di dati personali dei dipendenti, anche particolarmente sensibili e devono pertanto essere implementate nel pieno rispetto della normativa applicabile in materia di protezione dei dati personali. 

Il datore di lavoro si troverà a dover gestire i dati sanitari provenienti:

  • dalla rilevazione della temperatura corporea dei propri dipendenti
  • dalla sopravvenuta positività o sospetta tale da COVID-19 nelle forme: di comunicazione resa dal dipendente di aver avuto contatti, al di fuori del contesto aziendale, con soggetti positivi al Coronavirus
  • della sua negatività attraverso una dichiarazione attestante la non provenienza dalle zone a rischio epidemiologico e l’assenza di contatti, negli ultimi 14 giorni, con soggetti risultati positivi al SARS-CoV2
  • Di eventuali situazioni di particolare fragilità indicate dal medico del lavoro competente
  • Dei risultati derivanti dall'esecuzione dei test sierologici qualora previsti. 

Elenco adempimenti

é sufficiente aggiornare l'informativa privacy con gli adempimenti relativi al coronavirus COVID-19?

La risposta è no, vanno individuati almeno i seguenti ulteriori adempimenti: 

  • Aggiornamento del registro dei trattamenti
  • redazione di un Data Protection Impact Assessment
  • Individuazione e implementazione di misure e procedure che consentano di raccogliere, elaborare e conservare i dati in modo corretto e sicuro
  • Formazione specifica del personale addetto alla raccolta ed elaborazione dei dati
  • Individuazione e nomina del personale addetto alla raccolta ed elaborazione dei dati personali

Che servizio offre PrivacyStudio: 

PrivacyStudio offre ai titolari del trattamento assistenza e consulenza con riferimento a questi delicati adempimenti, in relazione alla conservazione sicura di questi dati e alla loro corretta acquisizione ed elaborazione. 

Grazie alla nostra competenza specialistica derivante dall'aver organizzato, in qualità di responsabili scientifici e docenti, corsi privacy accreditati ECM per la formazione continua del personale medico sanitario e dal ricoprire la carica di Data Protection Officer in aziende, anche multinazionali, appartenenti al settore dei dispositivi medici. 

Contact tracing: privacy violata con la notifica Google o Apple?

Si è molto discusso in piena pandemia della legittimità o meno, in termini di protezione dei dati personali, delle app…
CONTINUA A LEGGERE

FAQ sulle APP di tracciamento dei contagi

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha pubblicato le FAQ sulle app di tracciamento dei contagi e sugli…
CONTINUA A LEGGERE

COVID e tutela della privacy in ambito lavorativo: ecco le regole del Garante

Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso note le FAQ con riguardo al trattamento dei dati nel…
CONTINUA A LEGGERE

Lockdown, riapertura e cybersecurity: le preoccupazioni dei professionisti

CheckPoint ha condotto un sondaggio che coinvolge oltre 270 professionisti della sicurezza informatica a livello modiale, il cui scopo è…
CONTINUA A LEGGERE

APP Immuni, via libera del Garante

Oggi il Garante per la Protezione dei dati personali ha reso noto di aver autorizzato il ministero della salute a…
CONTINUA A LEGGERE

Test sierologici in azienda: i chiarimenti del Garante

La ripresa delle attività ha posto prepotentemente la questione della sicurezza sui posti di lavoro, il che ha portato molto…
CONTINUA A LEGGERE